Stitichezza cause conseguenze e rimedi

Quali sono le cause della stitichezza? Chi soffre di stipsi deve fare i conti con tutta una serie di fastidi e problemi che a lungo andare possono diventare davvero molto difficili da sostenere. La stitichezza molto spesso è causata da una dieta fatta con alimenti raffinati e poveri di fibre. In linea generale, la stitichezza è causata dalla sedentarietà. Anche quando le persone non hanno delle abitudini regolari oppure hanno dei ritmi troppo frenetici, possono incappare nella stitichezza. Alcuni farmaci possono essere davvero negativi rispetto a questo fenomeno e si tratta di lassativi. Infatti, quando vengono utilizzati troppo spesso si corre il rischio di bloccare poi la facilità di evacuazione. Tra i sintomi più comuni per le difficoltà nell’evacuazione c’è il gonfiore addominale, la pesantezza, nonché la presenza di feci dure e difficili da espellere. I sintomi sono spesso associati all’affaticabilità, le disabilità e al malessere generale oltre che al mal di testa. La stitichezza può comportare una serie di complicazioni ed infatti, per chi ha delle difficoltà ad evacuare si rischia di far degenerare il problema nelle emorroidi. Quando questo accade è bene scegliere di applicare dei rimedi così come si può leggere sul sito www.cura-emorroidi.com

Le cure contro la stitichezza

La stitichezza può essere difficile da combattere se non si segue una dieta adeguata ed inoltre poi, si deve anche fare in modo di riuscire a mettere in campo un buon funzionamento dell’intestino perché altrimenti la situazione potrebbe diventare complessa. Anche la scelta di una cura potrebbe essere complicata da selezionare senza l’aiuto degli esperti. In generale, è importante garantire all’organismo un apporto di fibre vegetali come il frumento oppure la crusca. Farà bene in più anche bere molto. Inoltre, fare attività fisica potrebbe aiutare per combattere questo fastidioso problema. In casi proprio estremi, si può ricorrere all’uso di lassativi ma è bene sempre impiegarli con moderazione. Infatti i lassativi devono essere usati soltanto in un periodo limitato di tempo perché altrimenti potrebbero causare l’effetto contrario. Esistono anche dei rimedi fitoterapici che possono essere utilizzati e sono d’esempio la senna, il ficus, la frangola e la cassia. Quando invece il problema persiste oppure se si sviluppa la presenza di alcune complicazioni, si deve decidere di consultare immediatamente il medico per fermare sul nascere questo fastidioso problema che potrebbe diventare davvero noioso nel lungo periodo. Attivando tutti questi meccanismi di prevenzione, alla fine si riuscirà ad ottenere il risultato desiderato!